do more with less
news, esperienze, esempi da condividere e qualcosa su di me

venerdì 25 marzo 2011

Questa sera evento XE.NET su WCF 4

Questa sera torna il Community Meeting di XE.NET incentrato su WCF 4.0. Io e Mirco Vanini ci alterneremo per illustrare novità e casi di utilizzo reali. Se siete nella zona di Mestre vi aspettiamo al Novotel Castellana. Per maggiori informazioni date un’occhiata qui.

iOS 4.3 disastroso per la durata della batteria

Utilizzo un iPhone dalla versione 2G. Fino a prima della versione 4.0 di iOS, il telefono e il sistema operativo installato non hanno mai creato dei reali problemi. Qualche bugs si era presente ma niente di realmente serio. Dalla versione 4G del telefono e del relativo sistema operativo la qualità complessia del prodotto ha dovuto subire forti contraccolpi. La qualità che ha sempre contradistinto l’hardware e il software Apple ha iniziato a venir meno. Inutile elencare qui le diverse situazioni che rafforzano questa mia affermazione (cercate in rete e vedrete) ma non posso non dare voce alla mia rabbia di utente che, dopo l’installazione della versione 4.3 di iOS, ha visto ridursi drasticamente la durata della batteria del suo iPhone. Ho sempre considerato la batteria di questo telefono, per l’uso che faccio io dello stesso, uno dei suoi punti di forza. Con WiFi e Bluetooth sempre accesi, 3 ore di conversazioni, 20 sms e circa 35MB di traffico dati alla settimana la batteria del mio iPhone con la versione 4.2.1 durava tra i 5 e i 6 giorni. Ora grazie ai geniali ingegneri Apple, con l’installazione della 4.3, la durata della batteria non supera le 8/10 ore. Beh, qualcuno potrebbe dire che basta tornare alla versione precedente. Magari. Apple non permette il downgrade (almeno ufficialmente) e quindi ora mi tocca tenermi questo inutile gadget tecnologico in tasca sperando che la versione 4.3.1, che si vocifera sarà disponibile tra qualche settimana, risolva questo ennesimo problema di affidabilità. Mi chiedo se in Apple abbiano mai sentito parlare della parola restore o undo cosa nota a quasi tutte le maggiori software house del mondo. Evidentemente no. E che dire delle tecniche di test (TDD, ecc). Anche su questo punto ho qualche dubbio.

Comunque mentre sto scrivendo l’arrabbiatura sta passando. Ho anche contattato il supporto tecnico, visto che ho la garanzia estesa per il telefono, ma per poter fare una formale lamentela devo mandare una raccomandata alla sede Irlandese, e, per scorragiarmi, mi hanno anche detto che questa deve essere inviata tramite un avvocato o una associazione consumatori. Ma vi pare possibile? Anche per lamentarsi Apple vuole che un suo cliente paghi. Cose dell’altro mondo. Che la mela stia marcendo dall’interno?

giovedì 10 marzo 2011

Rilasciata la Service Pack 1 per Visual Studio 2010 e TFS 2010

Alcuni di noi l’aspettavano con trepidazione per motivi diversi. Ora è arrivata! La Service Pack 1 di Visual Studio 2010 porta con se novità, bug fixing e il supporto per le ultime versioni di alcune tecnologie rilasciate da Microsoft dopo la RTM di VS2010. Per un approfondimento ecco alcuni link utili:

Personalmente sono curioso di vedere I miglioramenti al help di Visual Studio che nella versione attuale trovo inusabile e poco produttivo. Incrocio le dita e corro a provare l’Help Viewer 1.1 (vedi video di presentazione).

martedì 1 marzo 2011

Nuovo sito in versione beta utilizzando Sitefinity 4.0

Il mio nuovo sito è live anche se ancora in versione beta. I problemi di pubblicazione legati allo spazio di hosting che utilizzo, Winhost, sono stati tali da farmi iniziare a pensare che devo trovare un’altra soluzione il che non mi rende assolutamente felice. Comunque l’importante è che la nuova grafica sia su e che l’unificazione di blog e sito sia avvenuta come voluto. Ora mi aspettano ancora alcune attività che potrò svolgere solo se il mio hosting provider riuscirà a capire come risolvere i problemi che gli ho evidenziato in questi giorni. Spero anche che la SP1 di Sitefinity, che promette di ridurre l’utilizzo della memoria che al momento è decisamente eccessiva, mi aiuti a restare in Winhost dove sinceramente il supporto e la disponibilità del personale è decisamente di buona qualità. Un grazie particolare al team Telerik del prodotto Sitefinity che mi ha supportato in questi giorni. Ma dove sta il problema? La parte amministrativa della versione 4 si Sitefinty si basa in parte su servizi WCF che per qualche motivo, in Winhost, non funzionano come nell’ambiente di sviluppo e test che io utilizzo. Questo mi impediva di impostare la pagina home del sito con la conseguenza che navigando all’url del mio sito o del mio blog si otteneva il classico messagio di “Sito in costruzione”. Fortunatamente le Fluent API di Sitefinity e Radoslav Georgiev, valida risorsa di Telerik, mi sono venuti in aiuto permettendomi di impostarla programmaticamente risolvendo così almeno il problema di visibilità pubblica. Se vi trovate in queste condizioni può essere utile il codice seguente:

var fluent = App.WorkWith();
fluent.Pages().GetManager().Provider.SuppressSecurityChecks = true;
//look for a page by its name 
var page = fluent.Pages().LocatedIn(Telerik.Sitefinity.Fluent.Pages.PageLocation.Frontend)
           .Where(p => p.Title == "YourDesignatedHomePage")
           .Where(p => p.Page.Status == Telerik.Sitefinity.GenericContent.Model.ContentLifecycleStatus.Live)
            .Get().First();
ConfigManager configManager = Config.GetManager();
configManager.Provider.SuppressSecurityChecks = true;
PagesConfig pagesConfig = configManager.GetSection<PagesConfig>();
pagesConfig.HomePageId = page.Id;
configManager.SaveSection(pagesConfig);

Ora non mi resta che affrontare il prossimo problema per arrivare quanto prima dalla versione Beta alla versione RTM.