do more with less
news, esperienze, esempi da condividere e qualcosa su di me

sabato 30 marzo 2013

Parallels Desktop 8 for Mac vs VMWare Fusion 5: questa volta un punto va a Fusion

Per chi come me utilizza un Mac anche per lo sviluppo in ambiente Microsoft, affidarsi a un buon virtualizzatore èWP8_Video_Issue_1 fondamentale per non perdere produttività rispetto a un computer reale. Ciò premesso, veniamo alla questione che mi ha portato a fare questo post. Da molti anni, dalla versione 3 per l’esattezza, io utilizzo Parallels per la virtualizzazione nei miei MacBook Pro. Ho ovviamente considerato anche VMWare Fusion, si dalla versione 1.0, ma ho sempre trovato Parallels Desktop for Mac più di un gradino avanti alla sua concorrenza. Purtroppo oggi ho dovuto ricredermi almeno per una specifica funzionalità che però mi sta seriamente facendo pensare di spostarmi verso Fusion. La differenza di prestazioni è legata alla virtualizzazione interna alla macchina virtuale nota in Paralles come Nested Virtualization. Fino a qualche mese fa non avevo avuto la necessità di attivare questa funzionalità ma poi, con l’arrivo del Windows Phone 8 SDK, le cose sono cambiate. L’SDK installa l’emulatore per Windows Phone 8 che altro non è che una virtual machine di Hyper-V. Di conseguenza si deve installare la funzionalità in Windows 8 e abilitare la virtualizzazione annidata di Parallels. Qui nascono i problemi. Facendolo ho degli effetti collaterali video come mostrato nell’immagine presente in questo post. Disturbi che rendono impossibile lo sviluppo oltre che l’uso delle altre funzionalitàWP8_Video_Issue_3 del sistema operativo. Questo non accade con VMWare Fusion che sembra supportare alla grande la nested virtualization. Quindi che fare? Al momento sto ancora decidendo. Se vi trovate anche voi in questa situazione ecco cosa potete fare:

Scelta 1: attendere una fix da Parallels

In questi giorni sto collaborando con il supporto tecnico di Parallels per risolvere il problema. Sono molto reattivi e disponibili e quindi credo che nel breve si possa avere una soluzione funzionante. Si può quindi decidere di aspettare la patch e, in caso si debba sviluppare per WP8, utilizzare un device fisico e lasciare stare l’emulatore.

Scelta 2: creare una VM solo per lo sviluppo per Windows Phone 8

Se, come me, avete già un bel numero di macchine virtuali per Parallels e non volete doverle rifarle (purtroppo la promessa conversione da Parallels a VMWare Fusion non funziona con VM di grandi dimensioni) potete installare Windows 8, i tool di sviluppo e l’SDK in una macchina virtuale dedicata allo sviluppo per WP8.

Scelta 3: passate a VMWare Fusion

Scelta drastica e forse non la migliore, almeno per chi ha molte macchine virtuali. In questo caso dovrete ricreare le VM che vi interessano e abbandonare Parallels.

Personalmente io attenderò gli esiti delle attività di indagine che sto facendo con Parallels prima di fare una scelta finale. Quindi per il momento opterò per la Scelta 2 o la Scelta 1. Poi, se Parallels non risolverà il problema, non mi resterà che la terza scelta.